strumenti che usa il dentista

L’ attrezzatura professionale di un dentista

Sono numerosi gli strumenti del dentista, alcuni più invasivi altri molto meno, ma si differenziano in base a ciò che si deve andare a fare. Vediamo quali sono quelli di base.

Gli strumenti del medico dentista

Al centro della stanza si trova la poltrona (con lo schienale reclinabile e regolabile in altezza) in cui viene fatto accomodare il paziente e da un lato opera il medico dentista e dall’altro il suo assistente. Ognuno di essi adopera strumenti diversi e sono:
  • la faretra. Si tratta di un vassoio, supportato da un braccio meccanico, in cui vengono disposti i vari strumenti necessari al lavoro
  • la turbina. È un trapano, la cui velocità di rotazione può arrivare fino a 500000 rpm e si aziona tramite aria compressa. Viene impiegato per scalfire lo smalto del dente, è composto da frese intercambiabili
  • il manipolo. Anch’esso è una tipologia di trapano, ma a differenza del primo, funziona con un sistema meccanico ed elettrico e la sua velocità è di 40000 rpm. Viene impiegato per diversi obiettivi, dall’implantologia alla rifinitura. Quello più comunemente impiegato è a ultrasuoni
  • il laser ai diodi. Questo particolare arnese è sicuramente indolore, ma viene considerato come invasivo in quanto utilizzato già per una tipologia di intervento abbastanza serio. Ha una particolare precisione per lo sbiancamento dei denti ed è un ottimo alleato per gli interventi chirurgici in quanto disinfetta e impedisce il sanguinamento gengivale
  • la siringa. Essa può essere ad acqua o aria e serve per pulire dai residui di materiale attraverso getti ad alta pressione
  • la lampada fotopolimerizzatrice. Nonostante il nome, non si può definire come strumento utile ad illuminare. Infatti, una volta accesa serve per attivare una sostanza che si trova all’interno delle resine quando il dentista ha la necessità di ricostruire un dente o un impianto. Attraverso l’emissione dei raggi ultravioletti, questi materiali si solidificano
  • l’unità radiografica. Questo sistema tecnologico avanzato ha permesso di dire definitivamente addio alle vecchie radiografie che, oltretutto esponevano il paziente a molte radiazioni. Inoltre, erano di scomoda lettura e difficili da archiviare. Grazie alla modernità, l’unità radiografica consente di visualizzare meglio la situazione attraverso un computer e tutti i dati rilevati vengono salvati all’interno del dispositivo
  • l’autoclave. È uno tra gli strumenti che non può assolutamente mancare in uno studio dentistico, il cui ruolo è quello di sterilizzare e decontaminare tutti gli attrezzi impiegati
  • la lampada sbiancante. Questo apparecchio viene utilizzato maggiormente nel campo dell’odontoiatria estetica. Il suo scopo è quello di attivare la funzione di ossidazione nelle sostanze schiarenti presenti nello smalto dei denti, quindi di accelerare l’azione chimica delle dei gel che vengono applicati sulla superficie dentale. Questa operazione viene eseguita previa accurata e precisa detartrasi e rimozione della placca
  • strumentazione varia. Rientrano negli strumenti anche spatole, pinze, frese, sonde dentali, scavini e specchietti
  • l’aspira saliva. È un piccolo tubicino che consente l’aspirazione della saliva prodotta affinché si possa lavorare tranquillamente, alleviando il paziente dal fastidio di averne una quantità in eccesso in bocca facendo fatica a deglutire
  • gli strumenti monouso indispensabili per la sicurezza dell’operatore. Intendiamo: mascherina, visiera, guanti e occhiali, ma anche aghi e bicchieri di plastica
  • stucchi, resine, paste, cemento e tutte quelle sostanze necessarie per rivestire, saldare, riempire, incapsulare e pitturare i denti. Possiamo comprendere anche il mercurio, il quarzo, la ceramica, il vetro e lo zirconio. In questa sezione è molto difficile includere tutte le sostanze che possono essere utilizzate e questo perché un buon professionista è in grado di cambiare il materiale adoperato in base alle necessità.
  • l’anestesia. Anche se può risultare strano, l’anestesia è uno dei più importanti strumenti impiegati dal dentista perché senza di essa la maggior parte degli interventi non potrebbero essere svolti a causa del dolore che si percepirebbe.

 

Appare evidente che di strumenti ne esistono veramente molti e variano a seconda del campo in cui essi operano.