Come scegliere un corso da sommelier efficace a Milano

Diventare sommelier è il sogno di molti. Del resto, il vino, con i suoi colori, i suoi profumi e la sua storia è in grado di far breccia nel cuore di una platea fortemente variegata. Non solo fra coloro che si occupano già di ristorazione, persino i rivenditori ma anche semplici appassionati si affiancano al mondo dell’enologia, con l’intento di saper non soltanto degustare ma di saper parlare in maniera professionale del vino.

A differenza del semplice degustatore un sommelier non rimane un semplice assaggiatore. Personaggio elegante, ammaliante esperto e giuda di cantine, il sommelier è anche una figura professionale a tutti gli effetti, la quale include compiti variegati e costante aggiornamento professionale.

Il sommelier è un punto di riferimento al quale rivolgersi in tema di caratteristiche ed acquisto di vini, abbinamenti gastronomici, controllo olfattivo e in tema di suggerimenti sul mondo generale dell’enologia.

Non solo. Il sommelier è sopratutto colui che sa descrivere il vino in una maniera emozionante e unica. Insomma, un sommelier è il vero poeta del vino!

Per tutte queste ragioni, chi volesse realizzare l’ambizione di diventare sommelier dovrebbe puntare su corsi che assicurino un’adeguata preparazione. Accendendo al sito Degustibuss.it si potrà visionare il ventaglio di informazioni per scegliere un efficace corso di sommelier a Milano.

Un corso di sommelier efficace e che garantisca una spiccata competenza finale si articola su tre livelli, per una durata complessiva di 120 ore.

• Il primo livello viene incentrato sulla descrizione dei compiti del sommelier, gli attrezzi del mestiere, oltre a dimostrazione pratiche. Il corso si arricchisce di lezioni sull’enologia, ovvero sulla produzione e sui componenti del vino. Seguirà la tecnica di degustazione secondo il metodo visivo, olfattivo e gusto olfattivo. La preparazione include anche la lezioni sugli spumanti, birre, passiti ed altre acquaviti e la loro classificazione legale.

• In occasione del secondo livello i partecipanti affineranno le competenze degustative attraverso l’utilizzo di schede analitico-descrittive. Il corso verterà inoltre su una approfondita presentazione delle regioni italiane, con relative zone vitivinicole, vitigni e vini. Particolare attenzione verrà risposta anche all’illustrazione della vitivinicoltura europea e dei principali paesi al mondo.

• Con la frequentazione del terzo livello si toccheranno le tematiche inerenti gli abbinamenti gastronomici ad ampio raggio quali paste, salse, condimenti, spezie, dolci e tanto altro. Seguiranno prove pratiche, esame finale e rilascio del diploma nazionale sommelier di 3° livello.

Tra le figure che girano intorno al meraviglioso mondo del vino il sommelier spicca fra tutte per i numerosi compiti connessi alla sua professionalità non comune. Un sommelier, si ribadisce, è un lavoro a tutti gli effetti che può condurre a sbocchi lavorativi interessanti e può portare a conoscere realtà in continua evoluzione.

La diffusione e l’amore per il vino in tutto il mondo fa del sommelier una professione molto richiesta anche all’estero e che non si esaurisce nella mera conoscenza delle caratteristiche dei vini.

Essere sommelier permette di entrare nello staff dei migliori ristoranti, di gestire prestigiose cantine o di partecipare ad eventi esclusivi volti a ricercare nuovi abbinamenti gastronomici. Questo e molto altro ancora rientra nella professione di un esperto sommelier.

Tuttavia, per diventare un bravo e competente sommelier non bastano la passione o la mera inclinazione alla degustazione ma è necessario frequentare un corso efficacie, al fine di acquisire le indispensabili qualifiche tecniche e professionali. Coronare il sogno di diventare un sommelier non è impossibile, basta solo affidarsi a veri maestri!