Quotazioni eni: info generali

La società Eni è una supermajor globale nel campo del gas e dell’olio e offre i suoi prodotti in tantissimi Paesi.

E’ un’azienda talmente grande da posizionarsi tra le prime 150 al mondo per l’enorme fatturato annuo e tra le prime 500 società per quanto riguarda la capitalizzazione del mercato.

In Piazza Affari, le quotazioni della società sono da sempre considerate molto calde, perché per gli investitori o si preannuncerebbero grossi guadagni o viceversa delle grosse perdite.

 

Cos’è l’Eni

 

La società Eni (Ente Nazionale Idrocarburi ) è una multinazionale fondata dallo Stato Italiano nel 1953 che aveva l’esclusiva di ricerca e produzione di idrocarburi nella Pianura Padana.

La sua storia è davvero importante, tanto che le varie fasi vissute dall’azienda (dalla privatizzazione alla S.p.A.) l’hanno resa il colosso odierno.

 

I titoli azionari Eni

 

Come tutti i titoli azionari anche Eni ha un codice alfanumerico per essere identificato e quotato nel mercato azionistico.

Nel caso di Eni il codice è: IT0003132476 (ISIN per il mercato azionario italiano); 26874R108 (CUSIP per il mercato azionario americano); 7145056 (SEDOL per il mercato azionario inglese).

Considerato il fatto che Eni appartiene allo Stato, c’è da dire che è comunque possibile vendere o acquistare le azioni anche se per farlo bisogna obbligatoriamente interfacciarsi con la propria Banca oppure con una Società di Intermediazione Mobiliare, che abbia tutti i requisiti e le relative autorizzazioni per effettuare le operazioni di compravendita.

 

I diritti delle azioni Eni

 

Acquistando le azioni della società (si entra in possesso così una quota del capitale sociale) si hanno diritti ai benefici patrimoniali; ovviamente il rendimento delle azioni dipende da quali obiettivi economici è riuscita a conseguire la società anno dopo anno, tanto che il rischio di perdere tutto è pari a quello del guadagno.

Per quanto la storia di Eni sia quasi sempre stata in positivo, c’è da dire che per qualche tempo la multinazionale non è riuscita a centrare i propri obiettivi, venendo di conseguenza anche commissariata (come tra la fine degli anni settanta e l’inizio anni ottanta).

 

Limite delle azioni

 

Per quanto riguarda la società Eni, vi è da dire che nessuno può acquistare azioni pari o maggiori al 3% del capitale sociale, gli unici a possederne una quota più alta sono lo Stato e i soggetti controllati dagli enti pubblici.

Infatti per chi superi il limite vi è un divieto di voto e nel caso dei benefici patrimoniali, il loro contenuto sarà diverso da quello per chi non supera data soglia.

 

Dove controllare le quotazioni

 

Le quotazioni sono visibili in tempo reale sia sul sito stesso della società o accedendo al sito web della Borsa Italiana.

Cliccando sulla voce ‘Azioni’ sarà possibile controllare tutte le informazioni relative alla società cercata (basta scorrere l’elenco disposto in ordine alfabetico).

 

Le previsioni

 

Da quando l’Ente Nazionale Idrocarburi è stata quotata in borsa, difficilmente ha visto delle perdite, ma anzi nel corso del tempo, il grafico delle azioni ha sempre mantenuto la linea in crescente.

Per questo motivo si stima che le quotazioni Eni nei prossimi anni possano crescere arrivando a sfiorare il 40%.

Se queste previsioni fossero vere, la multinazionale diverrebbe una miniera d’oro sulla quale investire il proprio capitale.