Scopa: il regolamento del gioco di carte e riferimenti online

La Scopa è un gioco di carte diffuso in tutta Italia. Per giocarci, serve un mazzo da quaranta carte, divise in quattro semi.

Per ogni seme, le carte sono dieci, con valori dall’uno al dieci: l’asso vale uno, seguito dalle carte dal due al sette, poi la donna che vale otto, il cavallo che vale nove e infine il re, che vale dieci. Lo scopo del gioco è quello di arrivare a undici punti.

Storia del gioco

Varie sono le ipotesi sulle origini di questo popolare gioco. Secondo alcuni, la Scopa deriverebbe da un gioco spagnolo, chiamato “Escoba”, con un regolamento simile a quello della Scopa italiana.

Secondo altri, questo gioco trarrebbe le sue origini da due giochi iberici popolarissimi nel Quattrocento, ovvero “Primiera” e” Scarabucion”. Secondo la tradizione italiana, invece, la Scopa era un gioco molto diffuso nello stesso periodo a Napoli, precisamente nel porto di questa città, dove pirati e pescatori si giocavano i rispettivi bottini.

Il regolamento

Si può giocare in due, in tre, in quattro (due squadre da due) o sei persone (due squadre da tre). Il mazziere viene scelto per sorteggio o tramite un accordo fra i partecipanti, dopodichè egli procede a mischiare le carte. Il mazzo viene “tagliato” dal giocatore alla sinistra del mazziere, il quale procede a distribuire tre carte coperte ad ogni partecipante, in senso antiorario, e infine pone quattro carte scoperte sul tavolo.

A turno, ogni partecipante gioca una carta per volta; quando ognuno ha giocato le sue tre carte, il mazziere provvede a distribuire le altre carte, fino all’esaurimento del mazzo. Una carta viene presa quando quella giocata ha un valore uguale a quella presente sul tavolo, o è uguale alla somma di più carte; le carte che vengono prese vengono poste insieme in un mazzo più piccolo accanto al giocatore.

Varie possono essere le combinazioni di una presa: o la carta di uguale valore, o le combinazioni presenti sul tavolo, ovvero più carte che, sommate, giungano al valore della carta giocata.

Nel caso in cui il giocatore riesca a prendere tutte le carte presenti sul tavolo, ha effettuato una scopa; la carta con cui è stata effettuata viene collocata nel mazzo accanto al giocatore col dorso rivolto verso l’alto, per distinguerla dalle altre. Se alla fine dell’ultima mano rimangono carte sul tavolo, vengono prese dall’ultimo giocatore che ha effettuato una presa.

Punteggio del gioco

La scopa vale un punto; le carte valgono un punto, qualora le carte prese superino il numero di venti; un punto viene assegnato per i denari, se si hanno più di cinque carte di questo seme; infine, la primiera, che vale un punto, ottenuta con quattro carte dei vari semi (il valore più alto è assegnato al sette, segue poi il sei, l’asso e infine le carte dal due al cinque).

Il gioco della scopa è popolarissimo anche sul web, con vari siti che permettono di giocarci. Fra i tanti siti, vi è Giochi Stars, con una vasta gamma di giochi a disposizione.