Distribuzione funzionale dello spazio del proprio ufficio. 

Ci siamo messi nei pani di un imprenditore che sta cercando una valida alternativa alle solite, rigide soluzioni architettoniche del passato, quali murature classiche in cementoblocchi o strutture di cartongesso.

Abbiamo individuato la soluzione nel lavoro delle imprese specializzate in pareti divisorie mobili.

Pareti divisorie mobili: una soluzione intelligente

Le pareti divisorie mobili sono la soluzione dei progettisti per quanto riguarda la distribuzione dello spazio nei grandi ambienti, come ufficimeeting room, ma anche sale espositive o strutture a indirizzo commerciale.

Le nuove tecnologie dei materiali hanno dato l’opportunità a designer d’interni, artigiani e imprese che lavorano nel settore, di pensare e creare soluzioni architettoniche modularileggere e sopratutto non invasive.

Legnovetrometalli come alluminio o altre leghe leggeremateriali sintetici nobili, hanno sostituito i materiali del passato pesanti, con strutte e modalità di posa in opera davvero invasive, senza le caratteristiche di composizione dinamica che invece caratterizzano le pareti divisorie mobili.

La modularità e la reversibilità di queste strutture permette di pensare e realizzare una gamma pressoché infinità di soluzioni di distribuzione degli spazi interni, garantendo privacy e permettendo alla luce, alle energie e alle idee di fluire.

Tra le molte opzioni possibili emergono per frequenza d’uso e proprietà risolutive, quattro tipologie di pareti divisorie modulari delle quali vi indichiamo di seguito caratteristiche e funzioni.

Pareti divisorie mobili: tipologie

Iniziamo col descrivere la pareti divisorie mobili modular pd; si tratta di una parete mobile che trae ispirazione da un classica soluzione architettonica reinterpreta in chiave moderna con strutte in leghe leggere e pannellature modulari in materiale naturale o sintetico.

La miglioria riguarda proprio la funzionalità strutturale di questa parete, che può essere aggiornata nella forma e nei materiali senza effettuare opere di muratura classiche.

Segue la parete divisoria mobile mudular pa; questa parete mobile viene incontro a due esigenze prioritarie dell’impresa: una efficacie suddivisione degli spazzi e una gestione intelligente degli archivi.

La modul pa risolve entrambe le problematica in una sola soluzione, permettendo l’archivazione dentro la parete divisoria stessa.

Struttura chiaramente modulare che offre la possibilità di essere aggiornata senza nessuna opera muraria. Un esempio di praticità e funzionalità.

Parete divisoria mobile mudular Emme; questa soluzione di parete divisoria in allumino e vetro, permette la suddivisione degli ambienti lasciando lo spazi che formano il complesso dell’ufficio in connessione tra loro, garantendo comunque coibentazione sonora e privacy.

La Parete divisoria mobile light, è l’evoluzione della Emme, che si propone di dividere tutti quegli spazzi dove non è possibile adottare una struttura a sostegno della stessa. Una scelta di eleganza che dà continuità degli ambienti in maniera leggera e luminosa.

Pareti divisorie mobili: privacy, comfort, eleganza

Qualunque sia il vostro progetto aziendale, le pareti divisorie mobili sono una valida soluzione per la suddivisione degli spazi interni del vostro ufficio.

Nessuna opera muraria, modularità di assemblaggio, garanzia di privacy e continuità di spazio e luce, sono le straordinarie caratteristiche di questa soluzione architettonica che permettono il comfort necessario allo svolgimento di un buon lavoro.