Come cambierà la SEO nel 2020?

Ignorare che cosa sia la Seo, al giorno d’oggi, è difficilissimo. Si tratta di una disciplina che, grazie a tutto ciò su cui si basa, riesce ad essere incredibilmente importante non soltanto per il lavoro di chi si occupa della gestione o della pubblicizzazione di contenuti on-line, ma anche per tutti coloro che vogliono leggere o informarsi proprio attraverso il web. In altre parole, è proprio grazie alla Seo che si riesce ad avere un quadro completo di tutti quelli che sono i contenuti che circolano sul web, sui motori di ricerca e nelle varie pagine in cui si ottengono i risultati. Eppure, la Seo non è una scienza esatta e per questo motivo cambia continuamente, adeguandosi a tutte le esigenze ea tutti i cambiamenti che si osservano nel mondo punto Nel 2020 si assisterà ad un cambiamento incredibile sul web tale da portare anche ad una nuova modalità nella gestione della Seo e nella realizzazione di articoli e contenuti. Ecco quali saranno tutte le differenze che si osserveranno nell’utilizzazione dei contenuti per i motori di ricerca.

L’utilizzo delle parole chiave

Fino a questo momento è stato molto semplice, soprattutto da parte di coloro che non conoscono approfonditamente la SEO, confondere erroneamente questa con la ricerca ossessiva di una o più parole chiave da inserire all’interno di un articolo, talvolta spasmodicamente e con effetti negativi anche sulla fluidità di una determinata lettura.

Non sarà più così a partire dal 2020, dal momento che il nuovo algoritmo che governa la Seo cambierà e porterà ad un cambiamento anche nella qualità dei testi e dei contenuti: la ricerca da parte dei motori di posizionamento Infatti impone che i contenuti realizzati non siano soltanto dei contenitori di parole chiave che possono essere ricercate dagli utenti, ma siano anche qualitativamente corretti, adatti ad ogni tipo di lettura e soprattutto scorrevoli da leggere, oltre che grammaticalmente corretti e concettualmente ben realizzati. Dunque, nessun contenuto volontariamente allungato con informazioni inutili, scritto in maniera grammaticalmente scorretta o con una ripetizione standard di parole chiave dal momento che questi stessi saranno penalizzati dal motore di circa.

Ottimizzazione per la ricerca vocale

Un altro fattore che va preso in considerazione per l’ottimizzazione dei propri contenuti e per la gestione della Seo è sicuramente la ricerca vocale. Lanciata negli ultimi anni perfezionata sempre più da Google, la ricerca vocale sta diventando sempre più importante tra utenti soprattutto giovani, che si affidano sempre più alla domotica per richiedere informazioni sempre più specifiche, di qualsiasi natura esse siano. Per questo motivo, un contenuto deve poter essere ottimizzato anche per una ricerca vocale, cioè essere non soltanto scorrevole e fluido, ma deve adattarsi anche al tipo di ricerca che sarebbe effettuato semplicemente parlando. In altre parole, deve avere un tono più colloquiale ma non per questo basso.

User Experience

Ultimo fattore che potrebbe essere particolarmente importante nella “nuova SEO” è quello della User Experience. Si tratta di una serie di accorgimenti che devono essere adottati per migliorare la qualità della navigazione di ogni utente, e che si basano su:

– l’impostazione grafica
– i colori scelti
– il font dei caratteri
– la logica organizzativa dei contenuti
– la formattazione