Merchandiser: allestire un negozio con efficacia

L’allestimento di un negozio è un passo fondamentale per il successo di un’attività di questo tipo. Trascurare questo aspetto significa andare incontro a difficoltà enormi per trovare i clienti e fidelizzarli. Vediamo allora quali sono gli aspetti principali da non sottovalutare.

L’organizzazione di un negozio

Uno degli aspetti principali sui quali bisogna perdere un po’ di tempo è l’organizzazione interna. Perché perdere un po’ di tempo? perché l’organizzazione va studiata prima ancora di disporre il mobilio, bisogna fare una sorta di progetto preventivo a seconda della tipologia di prodotti venduti. I prodotti sono appunto l’anima di questa organizzazione: spesso si tende a esporre più prodotti possibile per la paura che alcuni di questi non siano ben evidenti. Il risultato è il disordine e, come si dice, il troppo stroppia, con le conseguenze che nessuno dei prodotti esposti viene messo in risalto come si dovrebbe

L’ordine è quindi il presupposto da seguire. Dividere per tipologia, dividere anche lo stesso ripiano, creare un po’ di aria distanziando leggermente i diversi prodotti ma soprattutto evitando di metterne troppi tutti assieme.

Continuità con la vetrina

display negozioBisogna creare un filo conduttore tra l’interno del negozio e la vetrina. Questo lo possiamo ottenere utilizzando quello che viene chiamato display interno, che altro non è che una zona espositiva dove si ripresentano i prodotti presenti in vetrina. Questa tecnica ha un duplice scopo, che è quello sia di rafforzare il prodotto presentato in vetrina, sia quello di dare al cliente la possibilità di trovare subito quello che lo ha attratto mentre guardava la vetrina. Il display va messo infatti vicino all’entrata e in zona centrale.

I prodotti in promozione

I prodotti che decidiamo di mettere in promozione devono avere uno spazio dedicato, in modo da essere subito visibili quindi attrarre il cliente. L’ideale sarebbe un tavolinetto, un pallet decorato, situato in una zona centrale del negozio. Possiamo riporre i prodotti del momento in offerta, o quelli primo prezzo, i cosiddetti affaroni del giorno, i regali per lui e per lei sotto le festività natalizie. Insomma le idee non mancheranno di certo, l’importante è prevedere questa zona che risulta essere anche una seconda vetrina, distinta da quella principale esterna. Si è calcolato che un’isola interna del genere vende ben cinque volte di più dei prodotti posti sulle pareti laterali.

Il bancone della cassa

Il bancone dove il cliente va a pagare dev’essere qualcosa di più. In quel luogo dove spesso si fa la fila l’attenzione del cliente dev’essere attratta da altri prodotti, magari esposti in una vetrina espositiva o ancora meglio se si ha la possibilità di disporre gli articoli in maniera da formare e delineare un piccolo percorso per arrivare alla cassa.

Il ruolo del merchandiser

La figura che si occupa di questo lavoro è il merchandiser, un professionista che ha seguito dei corsi e studiato per poter offrire questo genere di servizi. Il fai da te non sempre risulta efficace quanto il lavoro professionale svolto da questa figura ancora poco conosciuta.